Sonlerto – granaio su funghi

La torba è un granaio costituito da un corpo inferiore in muratura, che poteva essere adibito a usi diversi, e da un corpo superiore in legno, destinato alla conservazione dei cereali e di altre derrate alimentari. Quest’ultimo è staccato dallo zoccolo tramite sostegni a forma di fungo, che ne impedivano l’accesso ai topi e ne consentivano una migliore aerazione.

La torba situata all’entrata settentrionale di Sonlerto, che appartiene al Museo di Valmaggia, fu costruita nel 1480 e nel corso dei secoli non ha subito modifiche importanti; tra queste le più vistose sono l’ampliamento dello zoccolo e l’aggiunta della scala d’accesso alla cella granaria. Su un architrave di quest’ultima è inciso il millesimo 1591 ma non vi sono elementi che consentano di mettere in relazione questa data con gli interventi descritti.

L’edificio, restaurato nel 1987 e posto sotto la tutela del Cantone, è strutturato simmetricamente lungo l’asse verticale, con due entrate contigue a ogni piano.

La cella granaria, sostenuta da nove funghi con base in legno e cappello in sasso, è realizzata con travi squadrate. Essa presenta un ballatoio con rascane per l’essiccazione del fieno e dei cereali ed è coperta con tetto a cavaliere con trave di colmo, caso unico tra le torbe della Valmaggia. Sia i locali inferiori che quelli del granaio presentano un pavimento in lástrigh, una miscela di sassi, calce e sabbia.

 

(APAV, Coglio, Inventario delle torbe di Valmaggia, scheda CAVTO-03 (1978 e aggiornamento 2007): elaborazione Flavio Zappa)

 

Help us improve the translation for your language

You can change any text by clicking on (press Enter after changing)

X